sabato 14 aprile 2007

Che nottata ragazzi!!!

Ieri sera cena con i colleghi di Mauro, cucina casalinga toscana, mi sono limitata ma....
I bimbi erano con il mio babbo, che abita nella nostra stessa casa, li ha portati con se ad uno spettacolo, sono tornati a mezzanaotte, dopo di noi, e non dico altro.
Lavati, stirati, pigiamati e messi a letto mi sono sdraiata, ma non riusivo a prendere sonno, ho spento quasi all'una.
Mi sveglio di soprassalto, cos'è? Il piccolo tossisce, aspetto un po' magari è solo un attimo, ma lui non la smette, accendo e vado a vedere, ma per vedere mi servono gli occhiali, non li trovo, sono caduti e senza occhiali non vedo e non li trovo, alla fine ce la faccio, sono le due e qualcosa, e lui continua a tossire: prima dose di sciroppo.
Lo rimbocco aspetto un attimo, piccoli colpi, ma sembra più calmo, torno a letto e sto attenta a dove metto gli occhiali
Sento il sonno che pian piano si impossessa di me, ma di nuovo il piccolo comincia il suo concerto: è staziante. Vado di nuovo da lui e gli preparo la tisana di miele (in realtà è solo acqua calda e molto miele ma noi la chiamiamo così), di nuovo torniamo a letto, ma niente, mi alzo ancora e gli aggiungo un cuscino, quando sta su non tossisce, è il muco che ha nel naso che gli va nella gola allora spay per tenere il naso libero, ma niente tossisce ancora, e adesso dice che ha mal di pancia e voglia di vomitare, ma non vomita. Lo porto nel letto con me, lo metto seduto invece che steso e vediamo.
Forse va meglio, forse dormiamo e invece niente, ancora tosse e voglia di vomitare, non è possibile sentivo il suo pancino che brontolava è sicuramente vuoto, ma lo porto lo stesso in bagno.
Si alza anche Mauro, ci siamo dimenticati la puntura per il mal di schiena, la dobbiamo fare!
Commento che mi sento come al "S. Donato" (ospedale di Arezzo ndr).
Mentre lui prepara la siringa io scaldo il latte al piccolo, metto doppia dose di miele, e gli do anche la seconda dose di sciroppo, prima del termine di tutte le operazioni infermieristiche, la pendola batte inesorabilmente le tre.
Tornamo tutti e tre nel lettone e prima di perdere conoscenza sento anche il rintocco della mezza.
Per fortuna Edu, il primogenito, non si è neanche crollato, beato lui.
Stamani mi sento stordita non ho fatto la mia passeggiata e adesso devo fare le pulizie...oooomammma!!!!!

Nessun commento: